venerdì 5 luglio 2013

AGATHA RAISIN E LA QUICHE LETALE - M. C. Beaton

Credo che la vita della maggior parte dei lettori sia scandita da periodi. C'è il periodo dei romanzi rosa, il periodo dei thriller, il periodo dei romanzi impegnati e il periodo dei gialli. Fasi la cui durata cambia da persona a persona, così come cambia il segno che i romanzi letti in quel periodo lasciano.
La mia fase "gialla" (manco fossi Picasso...) ha avuto un picco di sei mesi circa, quando avevo sui tredici quattordici anni. Cercavo qualcosa da leggere nella libreria di casa e ho trovato Dieci piccoli indiani, della grande Agatha Christie. Un giallo meraviglioso, spiazzante, che ogni tanto rileggo ancora pur sapendo benissimo come andrà a finire. Da lì poi ho letto tutto quello che mi capitava tra le mani di questa autrice, con qualche incursione anche in Conand Doyle. 
Poi, dopo una bellissima indigestione la fase gialla è passata e adesso mi capita raramente di leggere romanzi di questo tipo. Forse anche perché non ho mai trovato nulla che si avvicinasse anche solo lontanamente ai fantastici personaggi e alle trame perfette di Agatha Christie. C'è Fred Vargas con il suo commissario Adamsberg, che riesce comunque a farmi emozionare e a tenermi attaccata alla sue pagine. C'è Simenon, di cui però non ho letto moltissimo. Ma nessuno per me è come Agatha Christie.

E poi arriva questa M. C. Beaton, pseudonimo dietro qui si cela la scrittrice Marion Chesney, che porta i gialli di Agatha Christie ai giorni nostri, rendendole un omaggio davvero ben riuscito, e mi fa tornare all'improvviso la voglia di immergermi nella letteratura gialla.

Agatha Raisin è una donna londinese di poco più di cinquant'anni che decide, una volta in pensione dal suo lavoro nelle pubbliche relazioni, di trasferirsi in un paesino di campagna, Carsely,  in cerca di pace e tranquillità. Un paesino di campagna che la accoglie con fredda gentilezza, senza mai andare oltre un cortese buongiorno e un accenno al tempo. Agatha fatica ad ambientarsi e ad entrare a far parte della vita del paese. In un estremo tentativo decide quindi di partecipare alla tradizionale gara annuale di quiche, sicura della sua vittoria. Ma qualcosa va storto e la torta di Agatha non solo non vince ma uccide anche il giudice. La donna all'inizio viene accusata dell'omicidio, che però poi viene liquidato come un semplice incidente e tutto sembra tornare alla normalità. Ma Agatha non ci sta, qualcosa non le torna, e decide, a suo rischio e pericolo, di ficcanas... di indagare nella vita del paese, molto meno tranquilla di quello che a prima vista potrebbe sembrare, per scoprire la verità.

E' un giallo vero. Con l'omicidio, le indagini, i momenti buffi ma anche quelli drammatici, che dà uno spaccato perfetto della vita di paese nelle campagne inglesi. E Agatha Raisin è una donna fenomenale: brusca, burbera,  dai modi non sempre gentili e, per me, davvero adorabile. Sembra quasi un mix tra la dolce Miss Marple e il burbero ma alla fine gentile Poirot. Così come sono fenomenali tutti gli altri personaggi che le fanno da contorno: l'effeminato collega Roy, il poliziotto che indaga in parallelo con le indagini, la vicina di casa spiona e tutti gli altri abitanti di Carsely (nani da giardino compresi).

Non è un capolavoro della letteratura, intendiamoci. Ma è una lettura di intrattenimento piacevole, intelligente e molto ironica che, sono sicura, anche Agatha Christie avrebbe approvato. Non fosse altro per l'amore nei suoi confronti che traspare da ogni pagina.

Leggetelo se ne avete l'occasione. Lo divorerete in poche ore e, una volta arrivati alla fine, vi accorgerete di sentire un po' la mancanza di questa donna e della campagna inglese in cui vive. E, come me, vi ritroverete a voler leggere tutti gli altri della serie.

Nota alla traduzione: la traduzione riesce a ricreare perfettamente il clima inglese, anche se qua e là c'è qualche frase e qualche espressione un pochino stonata. Ma nel complesso direi ben fatta!

Titolo: Agatha Raisin e la quiche letale
Autore: M.C. Beaton
Traduttore: M. Morpurgo
Pagine: 257
Anno di pubblicazione: 2011
Editore: Astoria
ISBN: 978-8896919057
Prezzo di copertina: 16 €
Acquista su Amazon:

18 commenti:

  1. Ero certa che l'avresti adorata *__*
    Agatha è meravigliosa come personaggio, ma anche quelli secondari che la circondano... e la campagna inglese ;__; Oh, quanto vorrei gettarmi sul terzo della serie di Agatha. Ma devo resistere. DEVO resistere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto meditando se e quanti comprarne in blocco :P

      Elimina
  2. Evviva Agatha!! la adoro, la Astoria ha fatto una scelta meravigliosa decidendo di pubblicarla! e vedrai andando avanti...la nostra cara Pr ne combina di ogni sorta! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non conoscevo questa casa editrice prima di questo libro! Ha fatto davvero bene a pubblicarla, concordo! Ora non vedo l'ora di leggere gli altri :)

      Elimina
  3. Io sto iniziando il secondo e concordo: Agatha è meravigliosa. Anche io l'ho adorata fin da subito e fin da subito ho colto il tributo alla GRANDE AGATHA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il tributo sia evidente e decisamente voluto :)
      E' un personaggio fantastico XD

      Elimina
  4. Accidenti! O lasciato perdere l'offerta lampo kindle che la proponeva a 1,99!
    Sarebbe stata una buona occasione per conoscere questa autrice che per le letture estive leggere potrebbe piacermi. Vedo se la scovo in biblioteca, per veder com'è ...
    Dell'editore Astoria ho preso solo "La pedina scambiata" che non ho ancora letto, quindi non so se in generale traduce bene o meno..., le copertine son bellissime ( quella della "Pedina scambiata è molto bella) , patinate, ma incolla i volumi !
    Quindi prima biblioteca, appunto , per conoscerla :-)
    Dalia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La traduzione di questo è ben fatta, c'è solo qualche parolina qua e là che non mi convince (ma può essere anche per qualche mia strana influenza dialettale :P)
      Eh sì, io l'ho preso con l'offerta lampo... spero mettano anche i seguiti! :D

      Elimina
  5. ..."dà uno spaccato perfetto della vita di paese nelle campagne inglesi"... WOW!!! E' proprio quello che fa per me, tra l'altro la zona del Costwolds rappresenta il mio ideale di English countryside ((http://www.cotswoldlife.co.uk/people/author_mc_beaton_s_cotswold_life_1_1630040).
    Dopo aver letto la tua recensione e quella de La Leggivendola posso dire di aver fatto azzeccato l'acquisto.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace quell'ambientazione questo libro è perfetto!! :)

      Elimina
    2. Scusa c'era un "fatto" in più.

      Elimina
  6. Cavolo io campo di Astoria da quando la casa editrice è nata (un paio d'anni, più o meno). Non saranno romanzi impegnativi ma sono storie fresche e leggere e di gran lunga migliori di quelle senza impegno proposte dai contemporanei. Ma vabbé.
    Agatha Raisin è un mito. Ho letto anch'io solo il primo e ho il secondo e il quarto (comprati perché sul libraccio erano a metà prezzo). Aspetto di prendere il terzo e poi mi ci tuffo di nuovo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece proprio non la conoscevo! Forse perché nelle librerie non si trova tanto... ed è un vero peccato!
      Concordo, sono storie fresche e leggere, di gran lunga migliori di quelle proposte da altre case editrici più grandi.
      Spero che amazon metta in offerta lampo anche i seguiti :D

      Elimina
  7. Tiziana♥ (perchedirvelo)6 luglio 2013 10:00

    Una protagonista un po' antipatica che però resta molto simpatica^-^
    Io sto per mettere mano al secondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. ma hai visto che belle le copertine originali?

      http://d.gr-assets.com/books/1347521807l/8789401.jpg

      Elimina
    2. Sono bellissime sì!!

      Elimina
  8. ciao a tutti, mi chiamo claudia, ed anch'io amo svisceratamente agatha. finora sono all'attivo di otto libri, e spero di leggere tutta la collana; che ne prevede ben 24. ci sono capitata per caso, l'ho letto ed ora ne sono entusiasta. da sempre amo la campagna inglese, e quando mi immergo in queste letture, mi sembra di esserci; magari nel cottage accanto.

    RispondiElimina
  9. Mai letto però son sicura che mi piacerà,dove posso trovare la lista per iniziare dal primo libro?

    RispondiElimina