venerdì 8 marzo 2013

Le donne nei libri. Per ricordare l'8 Marzo.

Oggi è la festa della donna. E innanzitutto faccio gli auguri a tutte le lettrici che stanno leggendo. Sì, lo so, in realtà è un giorno come un altro, perché le donne andrebbero rispettate sempre. Ci dovrebbe essere sempre parità, sul posto di lavoro, in società, in famiglia, in politica. Ci dovrebbe essere sempre rispetto. 
E non ci dovrebbe essere mai, e ripeto MAI, violenza.
Tutte cose che purtroppo non a tutte sono garantite. 

Non sono mai stata una fervente femminista. Credo nell'emancipazione, certo, e grazie al cielo posso dire di esserlo abbastanza. E sono anche dell'idea che a volte, certe donne, con certi comportamenti, si discriminano da sole. Però non sono di quelle persone che negano le differenze tra uomo e donna, perché di differenze ce ne sono eccome. Ma sono differenze fatte per colmarsi e compensarsi. 

E quindi ben venga che ci sia ancora un giorno per ricordare e sottolineare, ancora una volta e ancora di più, che in certi paesi la parità e l'emancipazione è ancora un miraggio. E che in certi altri, molto ma molto vicini, c'è in corso una strage di donne da parte di uomini che, incapaci di rispettarle, preferisco picchiarle o ammazzarle.

Io voglio ricordare questo giorno con un elenco di libri a tema, ovvero libri che hanno come protagoniste delle donne. Donne forti, donne coraggiose, donne fragili, donne deboli, donne che cadono e si rialzano. Donne che combattono, donne che ridono, che piangono, che vivono la loro vita come meglio possono e affrontano ciò che il destino riserva loro. E' un elenco di 13 libri (le cifre tonde, come avrete capito, non sono esattamente il mio forte) che ho letto abbastanza di recente e che credo rappresentino ognuna delle nostre sfaccettature. 
  • POMODORI VERDI FRITTI AL CAFFE' DI WHISTLE STOP- Fannie Flagg
  • SOFIA SI VESTE SEMPRE DI NERO- Paolo Cognetti
  • LA SAGA DI AGNES BROWN- Brendan O'Caroll
  • LA PIOGGIA PRIMA CHE CADA- Jonathan Coe
  • BISCOTTI E SOSPETTI- Stefania Bertola
  • GLI OCCHI GIALLI DEI COCCODRILLI- IL VALZER LENTO DELLE TARTARUGHE- GLI SCOIATTOLI DI CENTRAL PARK SONO TRISTI IL LUNEDI'- Katherine Pancol
  • IL TEMPO DELLE FARFALLE- Julia Alvarez
  • LEGGERE LOLITA A TEHERAN- Azar Nafisi
  • ELOGIO DELL'IMPERFEZIONE- Rita Levi Montalcini
  • THE HELP- Kathryn Stockett
  • TESS DEI D'URBERVILLE- Thomas Hardy

E oltre a questi, ce ne sono sicuramente tantissimi altri, tutti dedicati a quel fantastico mondo femminile, che da sempre colora il mondo.
Così, se proprio i fiori non li volete regalare, miei cari uomini avete qualche spunto per regalare un bel libro.


18 commenti:

  1. Oddio, a leggere il titolo ho pensato avessimo scritto praticamente lo stesso post xD
    Beh, io da fervente femminista mi guardo bene dal fare auguri. Perciò ti dico solo 'bel post' e 'che tu possa passare una bella giornata', in senso assai generico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un momento l'ho pensato anche io... anche perché ho visto il tuo nel momento esatto in cui stavo per pubblicare :P

      Io temo di non essere in grado di scrivere un po' più approfondito sul tema della condizione della donna, quindi ho preferito evitare e limitarmi a quell'elenco di libri che secondo me ci rappresentano un po' tutte, in un modo o nell'altro. :)

      Elimina
  2. mi piace questo modo bibliofilo di parlare della Festa della Donna (una festa che non ha senso dal momento che, come hai anche detto tu, dovrebbe celebrarsi ogni giorno!). Oggi, come ogni 8 marzo, c'è tanta retorica in giro sui blog e sui social network, ma il tuo post è sicuramente originale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh il rischio di cadere nella retorica è davvero molto semplice... e infatti ho cercato di limitare il più possibile i commenti extra-letterari... anche perché, come dicevo sopra alla Leggivendola, non credo di essere in grado a parlarne come si deve. Ma i libri riescono sicuramente a parlare per me :)

      Elimina
  3. Complimenti per il blog,lo seguirò volentieri!

    RispondiElimina
  4. Tiziana♥ (perchedirvelo)8 marzo 2013 13:05

    Ma infatti non è una festa. Questa accezione è inesatta.
    L'8 marzo è un giorno della memoria, per non far dimenticare il percorso fatto e da fare.
    Che poi si finisce per stravolgere e ridurre tutto a mimose e auguri...

    ot: da un po' mi rimbalza intorno questo libro, IL TEMPO DELLE FARFALLE- Julia Alvarez. Mi dici che ne pensi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te Tiziana, non è una vera e propria festa ed è forse rimasta un po' vittima della logica commerciale, come tutto il resto.

      Credo che il libro ti stia rimbalzando intorno anche per colpa mia... l'ho letto l'anno scorso e amato tantissimo e quindi l'ho consigliato un po' ovunque. Ecco la recensione comunque: http://lalettricerampante.blogspot.it/2012/11/il-tempo-delle-farfalle-julia-alvarez.html

      Elimina
  5. Caspita, a quanto pare abbiamo avuto idee affini per ricordare questa giornata attraverso i nostri amati libri. Ora però mi sta quasi passando la voglia di scrivere e pubblicare oggi il mio post, perché sembrerebbe quasi una scopiazzatura da parte del mio noenato spazio bloggoso xD anche se fondamentalmente non mi preoccupo di come una cosa potrebbe apparire xD
    Ho ancora tempo fino a stasera per decidere, vedremo se dare forma all'idea che mi frulla in testa da ieri.
    Potrei anche prendere questa coincindenza come un'affinità elebrettiva hahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, figurati che La Leggivendola e io l'abbiam pubblicato quasi in contemporanea... della serie, "ste blogger son proprio fantasiose" :P
      però io personalmente sarei molto curiosa di leggere anche la tua... perché ognuna di noi ha un modo diverso di approcciarsi a questa giornata, così come diversi sono i libri che ce la ricordano. Quindi, secondo me, dovresti pubblicarlo! :)

      Elimina
    2. Grazie Elisa, sei sempre molto carina ^_^
      un'altra verità, poi, è che non mi piace l'idea di dedicare un post alla giornata della donna per forza oggi. Quindi forse il post arriverà in un giorno in cui non te lo aspetti ;)

      Elimina
  6. ottimo post, come sempre.. avevamo dubbi??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei un tantino di parte guapa :P

      Elimina
  7. Elisa ciao,
    ti ho scoperta ieri sera mentre cercavo recensioni sui libri nella mia wishlist Amazon prima di inviare l'ordine :)
    E già oggi ho la fortuna di leggere questo post..le storie che hanno come protagoniste le donne sono quelle che cerco sempre, e che amo di più. In questo momento in particolare, che sono alla ricerca di esempi e modelli da seguire. Amo le storie di donne che si risollevano, o che vivono la vita appieno. Della tua lista conosco solo Pomodori Verdi Fritti, Agnes Browne (mamma) e Leggere Lolita a Teheran. Cerco subito gli altri, grazie..un saluto.

    RispondiElimina
  8. Ciao, Elisa!
    Anch'io ho recentemente scoperto il tuo blog e ho iniziato a seguirlo attraverso Facebook. Apprezzo anch'io che la Giornata internazionale della donna sia stato per te lo spunto non per tante divagazioni sulla situazione delle donne (che non si dovrebbero limitare ad una giornata), ma per un'indicazione delle grandi e intense figure femminili che costellano la letteratura. Nel mio blog io l'ho fatto in una prospettiva diversa, dettata dai miei studi sul mondo classico, ma ho trovato nel tuo post dei suggerimenti per buone letture moderne, che, almeno in parte, prima o poi affronterò.
    Grazie. Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ben arrivata!

      Vado subito a vedere il tuo blog! :)

      Elimina
    2. Grazie del benvenuto e della curiosità per il mio blog! Spero che vi troverai qualcosa di tuo interesse, anche se è aperto da poco! Alla prossima e buona domenica! :)

      Elimina