domenica 24 novembre 2013

Incontrando... Stefania Bertola

Non avrei mai pensato di andare alla presentazione di un libro di domenica mattina. Giorno e orario insoliti e non proprio comodi, soprattutto se si viene da fuori e si viaggia in coppia con un ritardatario cronico.
Però era da parecchio tempo che volevo incontrare Stefania Bertola, conoscere di persona la mente dietro agli unici romanzi rosa che riesco a leggere senza reazioni allergiche da troppo zucchero. E quindi ci siamo alzati presto, abbiam preso l'auto e in poco meno di un'ora (grazie al traffico ridotto della domenica mattina) siamo arrivati al Circolo dei Lettori.

La sala era già abbastanza piena e i posti si sono a poco a poco riempiti tutti. Stefania Bertola è arrivata puntuale, un po' irruenta, regalando "buongiorni" a destra e a manca. La prima cosa strana, oltre al già citato orario, è stata che si è presentata da sola. Ad accompagnarla c'era un attore, Michele di Mauro, a cui ha affidato alcune letture e che le ha fatto in qualche modo da spalla. Il risultato è stata un'ora divertente, intensa, che mi ha fatto capire ancora una volta come mai io adori tanto questa donna e il suo modo di scrivere.

Oggetto della presentazione era il libro nuovo, Ragazze mancine, che ho acquistato il giorno prima e ancora non ho letto. Ed effettivamente temevo anche un po' che durante la presentazione avrebbe potuto svelare qualcosa, anche involontariamente, e rovinarmelo. Invece è successo proprio il contrario, sono uscita di lì con una voglia matta di iniziarlo.
La prima cosa che si può dire di Stefania Bertola è che è torinese. E' torinese di origine, di accento (se uno non sapesse chi sta parlando e non la vedesse in faccia, la scambierebbe per la Littizzetto) e nei modi. E poi ama quello che fa, ama scrivere, ama le storie che scrive. E questo amore traspare, oltre che da ogni romanzo ovviamente, da ogni parola che dice. Sentirla parlare è davvero un piacere. 

Durante la presentazione ha parlato un po' della nascita di questo Ragazze mancine, un titolo nato parecchi anni fa insieme a un romanzo che era stato rifiutato da una trentina di editori (come già aveva raccontato nell'intervista rampante qui sul blog). Era un libro troppo strano, le avevano detto. Un libro che non avrebbe venduto. Lei lo ha messo da parte, ha ripreso la sua vita normale e iniziato a scrivere altro, Ne parliamo a cena, Aspirapolvere di stelle, A neve ferma, Biscotti e sospetti e tutti gli altri. Poi, due anni fa, quando ha firmato il contratto per un nuovo romanzo, le è ritornato alla mente quel titolo. Ha riscritto la storia, salvando solo un personaggio, e finalmente l'ha pubblicato.
Per scrivere il libro ha preso spunto da alcuni episodi che veramente le sono successi: il commercialista che l'ha imbrogliata e quasi ridotta sul lastrico, un braccialetto trovato per caso su una spiaggia a Mentone, la sua passione per gli autogrill e in particolare per quello di Novara, quello "a ponte" (che fa impazzire anche me). 

La chiacchierata è proseguita, con qualche lettura d'intermezzo, con la Bertola che ha spiegato il suo rapporto con Torino e la sua voglia di staccarsi un po' da questa città (e dal pubblico hanno suggerito di ambientarne uno a Ciriè), ma anche la sua abitudine di inserire sempre un piccolo mistero nei suoi romanzi e di far riapparire, per un attimo, un protagonista delle sue opere passate. Ha parlato poi della scelta dei nomi dei suoi protagonisti, nomi spesso bislacchi che nascono per caso, perché le piace cercare nomi non proprio comuni, poco diffusi e che facciano sorridere (tra l'altro ho scoperto una cosa che non sapevo: anche Andrea Vitali nei suoi romanzi inserisce sempre nomi particolari... e va a cercarli nei cimiteri!) oppure omaggiare altri personaggi (in questo caso c'è Jezebel, in omaggio al film La figlia del vento con Bette Davis ed Henry Fonda... in Ne parliamo a cena c'era ad esempio Sailor Maria, immaginando come le bambine cresciute con il cartone Sailor Moon avrebbero potuto chiamare le loro figlie).

L'ora è passata molto in fretta e dopo le domande di rito (tra cui una su "Romanzo rosa" e le sue differenze rispetto a tutte le altre sue opere precedenti) è arrivato il momento del firma copie. 


Insomma, davvero una bella (auto)presentazione. Se vi capita, andatela a sentire, merita davvero! Ma soprattutto, merita davvero leggere i suoi meravigliosi romanzi (sperando ovviamente che Ragazze mancine sia all'altezza degli altri... ma i primi due capitoli promettono bene!)

10 commenti:

  1. Per ora ne ho letto solo uno (Biscotti e sospetti) ma l'ho trovato carinissimo e l'autrice mi è istintivamente simpatica. Sono contenta che questa presentazione sia andata bene! E poi mi hai incuriosita ^^
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa sì! Ma si è presentata da sola :P Mi spiace solo non ricordare il nome dell'attore che era insieme a lei, è stato molto bravo anche lui!

      I suoi romanzi sono adorabili, sì *____*

      Elimina
  2. ho letto un paio di libri di Stefania Bertola, e devo dire che ho molto apprezzato la sua scintillante (e autoironica) verve femminile.

    riguardo a te, Elisa-Lettrice-Rampante, non posso fare altro che sottolineare, una volta di più, la tua famelica, vorace, insaziabile passione per la galassia "libresca".

    umanizzare gli scrittori, come fai tu, è la chiave perfetta per capire come nascono le storie e i personaggi dei libri.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' per quello che adoro la Bertola, perché tutti i suoi personaggi non si prendono mai troppo sul serio: sono goffi, sono buffi, sono umani... ed è facile identificarsi!

      E dal vivo è proprio come me l'ero immaginata attraverso i suoi libri, non poteva essere diversa :)

      (Per la seconda parte... ma vuoi farmi commuovere di prima mattina??)

      Elimina
  3. Non ho mai letto nulla di questa autrice, ma dopo il tuo incontro e le tue parole frizzante mi devo mettere in carreggiata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di iniziare da "Biscotti e sospetti" o da "A neve ferma"... sono i miei due preferiti in assoluto :)

      Elimina
  4. Bellissimo, io sono appena andata a un seminario di scrittura tenuto dalla Bertola, è una persona simpaticissima.

    RispondiElimina
  5. Io la incontrerò fra poco al Festival dei Lettori qui a Bologna, non vedo l'ora.
    Bella anche l'intervista che le hai fatto :)

    Valentina
    www.peekabook.it

    RispondiElimina
  6. Questo è il sito web che ho letto su DR.WEALTHY e l'ho contattato per aiutarmi a riportare il mio ex fidanzato a sposarmi durante il mese di dicembre dell'anno scorso e sono tornato qui per postare su di lui. DR.WEALTHY ti aiuterà a risolvere il tuo problema, qualunque cosa tu stia attraversando. Pubblicare notizie su un incantatore è molto strano per me perché non ho mai creduto di poter dire di essere stato aiutato da un incantatore a riportare il mio ex ragazzo dopo 3 anni senza contatto. Ho letto del suo incantesimo voodoo da altri siti Web e l'ho contattato per aiutarmi e in meno di 48 ore il mio ex ragazzo mi ha chiamato ed ero felice che volesse tornare da me. Ci siamo incontrati venerdì e mi ha proposto, ... Era l'anello più bello. Per favore, tutti qui, contatta il dottore per risolvere il tuo problema e renderti felice con la tua relazione che ti fa male. L'amore è il miglior sentimento mai provato. Mandalo via email a wealthylovespell@gmail.com o al numero WhatsApp: +2348105150446. visitare il sito Web http://wealthyspellhome.over-blog.com

    RispondiElimina
  7. Questa è una testimonianza di un grande incantatore "DR.WEALTHY" che mi ha aiutato a ripristinare la mia vita amorosa. Il giorno in cui mio marito mi ha lasciato, le cose sembravano desolate e l'atmosfera era piena di incertezze. Tutto sembrava pallido e così ho deciso di cercare aiuto negli incantatori che hanno la capacità di riportare il mio ex marito a me. Come previsto, sono andato su Internet e come anche voi avete visto nella vostra ricerca di un incantatore affidabile, ho visto molte testimonianze fatte dagli incantatori nel recupero di ex mariti e persone care. Spinto dalla fede nel DR.WEALTHY l'ho contattato e dopo avergli spiegato le cose, ha accettato di affrontare le sfide sul campo. Ha fatto brillantemente bene. Il mio ex marito è tornato da me con più cura e affetto. Mi piacerebbe quindi cogliere l'occasione per rendergli omaggio per il suo servizio disinteressato alla mia situazione. Lodevole, ha mostrato grande coraggio nell'affrontare il compito scoraggiante di trovare soluzioni praticamente a qualsiasi dato problema. Contattalo a, wealthylovespell@gmail.com o whatsapp +2348105150446 visita il sito Web http://wealthyspellhome.over-blog.com

    RispondiElimina