sabato 13 settembre 2014

HO PAURA TORERO - Pedro Lemebel

Iniziamo subito con il dire che Ho paura torero è un libro stupendo. Lo dico nel caso, con la mia recensione, non riesca a farlo capire in modo convincente. 
E' difficile recensire un libro così. E' difficile raccontare con parole che non siano quelle dell'autore, questo Pedro Lemebel che, prima di trovare per puro caso questo libro nascosto da una pila di altri libri in un mercatino dell'usato, nemmeno conoscevo. 
Mai avrei pensato che quelle tre parole in copertina, semplici e, a prima vista, anche abbastanza incomprensibili, potessero significare e trasmettere tanto. 

Ho paura torero, tre parole che possono essere cantate, urlate o sussurrate. Tre parole che significano amore, passione, e anche un po' di erotismo. Ma che significano pure ribellione, sofferenza, paura, rivoluzione.

Siamo nel Cile di Pinochet, a diversi anni dall'attentato ad Allende che l'ha messo al potere. La fata dell'angolo, un travestito esuberante e passionale, che adora i bolero e che vive ricamando, conosce Carlos, militante del Fronte patriottico Manuel Rodriguez, che le chiede di nascondere in casa sua alcune scatole misteriose. La fata dell'angolo accetta, perché, pur sapendo di non doverlo fare, si innamora perdutamente di Carlos e per lui farebbe qualsiasi cosa. Anche organizzargli un compleanno cubano, anche consegnare al posto suo qualcosa di pericoloso rischiando la vita. Anche fuggire, abbandonare tutto, perché ormai troppo compromessa con il gruppo di rivoluzionari, pur sapendo che in cambio non riceverà mai niente, se non quei pochi momenti passati insieme. Eppure è un amore grande, grandissimo. 

Ho paura torero è un romanzo intenso e bellissimo. Un romanzo d'amore in tempi difficili, una storia impossibile e forse, per questo, ancor più passionale. La fata dell'angolo è un personaggio adorabile nella sua apparente semplicità e nella sua esuberanza. E Carlos, beh, probabilmente di Carlos mi sarei innamorata anche io.
Alla loro storia, che parla d'amore ma anche di rivoluzione, si alternano episodi della vita di coppia tra Pinochet e la moglie. Una donna un po' bisbetica, un po' prepotente, che Pinochet non vorrebbe altro che stesse zitta. Forse la sopporterebbe di più, se non fosse continuamente soggetto a critiche, proteste e attentati. 

Pedro Lemebel ha trovato davvero un bel modo per parlare degli anni della dittatura di Pinochet, per farne una satira, certo, ma anche per raccontare le vite di chi l'ha vissuta e chi l'ha combattuta. E poi ha creato questo personaggio incredibile, esuberante, frivolo, ma di una dolcezza e una passione infinita. Indimenticabile.

Un libro assolutamente da leggere.


Titolo: Ho paura torero
Autore: Pedro Lemebel
Traduttore: M. L. Cortaldo, G. Mainolfi
Pagine: 202
Anno di pubblicazione: 2001
Editore: marcos y marcos
ISBN: 978-8871685670
Prezzo di copertina: 14 €
Acquista su Amazon:
formato brossura: Ho paura torero

7 commenti:

  1. Ciao, leggo e seguo da un pò il tuo blog e vedo che sei una persona preparata in ambito letterario. Anch'io ho un blog, da poco tempo sto provando a pubblicare pezzo dopo pezzo i miei libri, mi faresti se leggessi qualcosa, la tua opinione sarebbe importante. Il link è questo

    http://lavitainemozioni.blogspot.it/p/blog-page.html

    RispondiElimina
  2. Ho preso proprio oggi pomeriggio il libro in prestito in biblioteca, spinta dalla tua recensione e...beh, ho letto solo trenta pagine, ma si preannuncia meraviglioso, intenso, delicato e poetico allo stesso tempo.
    Grazie infinite della "dritta"! :D
    Sara

    RispondiElimina
  3. Mamma mia quanto mi è piaciuto! G R A Z I E.

    RispondiElimina
  4. che bello questo libro, che bella quella sensazione di fragilità e magia che lasciano i versi di lemebel: tutti abbiamo sognato una tovaglia sulla spiaggia, la radio che ci insegue, capta i nostri umori e si accende dedicandoci quei versi precisi e taglienti, la luce nel paesaggio che ci rende dittatori di un umore, di un mondo che corre sempre più veloce dei nostri desideri ... questa recensione è stupenda, questo libro è un capolavoro .. spero che prima o poi tradurranno in italiano anche altre opere di lemebel ( penso a Serenata cafiola o Zanjon de la Aguada) ... il tuo silenzio mi dice già tutto ...

    RispondiElimina
  5. E' un libro bellissimo, ironico ,dolce ,emozionante .Leggere questo libro arricchisce l'anima .

    RispondiElimina
  6. Grazie Elisa, perché nuovamente per merito tuo ho assaporato un libro che difficilmente dimenticherò. L'ho appena finito e sono corsa a rileggere la tua recensione, che poi è quella che mi ha invogliata a scoprire questa delicatissima, ma nel frattempo profondissima, storia...l'ho appena chiuso e veramente le tue parole rispecchiano il mio pensiero. Un libro bello, bellissimo!

    RispondiElimina