lunedì 28 novembre 2016

NON È IL MIO GENERE! E invece (forse) sì! - romanzi gialli e thriller

Sabato 26 novembre si è tenuto il primo appuntamento di NON È IL MIO GENERE! ...e invece (forse) sì!, il nuovo ciclo di incontri in libreria, organizzato da me, Claudia di Il giro del mondo attraverso i libri e Stefania della Libreria Sulla Parola.

Sebbene fossero passati solo pochi mesi dalla conclusione dei nostri incontri precedenti (quelli di Una valigia di libri), devo ammettere che questi pomeriggi di chiacchiere, risate e condivisioni letterarie mi erano mancati un sacco.

E poi, grazie a un buon passaparola (e a un pr d'eccezione, che non posso non nominare... grazie Prof!), in questo primo incontro, dedicato ai romanzi gialli e thriller, eravamo davvero tanti.
E lo so che non dovrei, lo so che dovrei dire e dirvi che è normale che ai nostri incontri superfighi venga così tanta gente, però, ecco, io un pochino mi stupisco ogni volta del fatto che ci siano persone che decidono di passare un sabato pomeriggio a parlare di libri.

Grazie, quindi, a tutti coloro che hanno partecipato. A chi era già venuto nell'edizione passata e ha deciso di tornare. A chi è venuto per la prima volta e, spero, tornerà. A chi è intervenuto e ha fatto un po' di dibattito e a chi ha semplicemente ascoltato.
E, soprattutto, grazie a Claudia e Stefania per questa cosa bellissima che abbiamo creato.




Ma ora bando alle smancerie, passiamo ai libri consigliati!
Tra quelli arrivati sulla pagina dell'evento e quelli invece suggeriti dal vivo, i libri di cui si è parlato sono stati tantissimi. Come sempre, in quelli consigliati da blogger, trovate il link alla recensione.

Pista nera; La costola di Adamo; Non è stagione; Era di maggio; 7-7-2007 - Antonio Manzini (Sellerio)
Il ballo degli amanti perduti - Gianni Farinetti (Marsilio)
Favole di morte - Brigitte Aubert (Voland)
Un cinese a Buenos Aires - Ariel Magnus (gran vía edizioni)
Dieci piccoli indiani - Agatha Christie (Mondadori)
L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome; Scrivere è un mestiere pericoloso  - Alice Basso (Garzanti)
 Il segreto dei suoi occhi - Eduardo A. Sacberi  (BUR)
Più piccolo è il paese, più grandi sono i peccati - Davide Bacchilega (Las Vegas edizioni)
Il quarto protocollo - Fredrick Forsyth (Mondadori)
Level 26 - Anthony Zuiker (Sperling & Kupfer)
I tre evangelisi - Fred Vargas (Einaudi)
La progenie; Trilogia di Nocturna - Guillelmo del Toro  (Mondadori)
Tra i malvagi - Linda Castillo  (Time Crime)
Appennino di sangue - Macchiavelli & Guccini (Mondadori)
La figlia sbagliata - Jeffery Deaver (Rizzoli)
Scomparsa; Il passato di Sarah - Chevy Stevens (Fazi)
La pietà dell'acqua - Antonio Fusco (Giunti)
Di seta e di sangue - Qui Xiaolong - (Marsilio)
Il mio nome era Dora Suarez - Derek Raymond -  (Meridiano Zero Noir)
Mr Gwyn - Alessandro Baricco -(Feltrinelli)
La serie di Agatha Raisin di M. C. BEaton (Astoria)
Anime nere -Gioacchino Criaco (Rubettino)
Bambini, ragni e altri predatori - Eraldo Baldini

E poi, sono stati citati e consigliati i romanzi in generale di: Jo Nesbø, Carlos Ruiz Zafón, Camilla Lackberg, Simenon, Izzo, Massimo Carlotto, Angela Marsons, Faye Kellerman, Massimo Lugli, Robert Galbraith, Margherita Oggero.


Oltre ai consigli letterari, si è parlato poi dei libri gialli in generale e della loro tendenza a essere trasformati in prodotti cinematografici e televisivi (con risultati non sempre idilliaci); poi della loro specificità e delle loro caratteristiche in base allo nazione in cui sono scritti e ambientati; di traduzione e poi del caso di Io uccido di Giorgio Faletti (lo sapevate che pare non l'abbia scritto lui, ma che sia una traduzione di un giallo americano? Io questa diatriba me l'ero persa!).

Come vi dicevo all'inizio, è stato un incontro davvero bello, da cui sono emersi, oltre ai consigli, tanti spunti di riflessione.

Per il mese di dicembre, gli incontri prendono una pausa e si ripartirà sabato 14 gennaio, con l'appuntamento dedicato ai racconti.

8 commenti:

  1. Che belle iniziative, peccato che non sono delle vostre parti, se no un giro lo avrei fatto di sicuro! Sai che non sapevo nulla su Io uccido di Faletti? Ho adorato quel romanzo e ammiro chiunque abbia avuto l'idea di scriverlo! Tra gli autori che hai citato mi permetto di segnalarti un'autrice poco conosciuta che a me piace moltissimo, cioè Carlene Thompson, una giallista della Marcos y Marcos e gialli Mondadori: i suoi libri sono veramente molto belli, ricchi di pathos e colpi di scena :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, è un sacco che vorrei leggere qualcosa di Charlene Thompson ma poi per un motivo o per l'altro non l'ho mai fatto! Grazie dei consigli! :)

      Elimina
  2. Ciao! Mi sento quasi in colpa per aver dimenticato Faletti-scrittore!! Ho letto talmente tanti libri che riesco perfino a dimenticarmene! Nemmeno io ne sapevo nulla della diatriba su Io uccido ma sono corsa a leggere il titolo dell'altro che mi era piaciuto molto: Appunti di un venditore di donne. Per i titoli che avete scelto da proporre, mi sembra di aver letto solo La Figlia sbagliata. Dieci piccoli indiani è talmente un classico che non è possibile perderselo. Però non la amo la Christie. Grazie per il tuo resoconto, che fa venire voglia di esserci! Peccato che son vecchia e lontana! Un bacione ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per i consigli che ci hai mandato! :)

      Elimina
  3. Dimenticato pure Jo Nesbø!! Imperdonabile :(

    RispondiElimina
  4. Uh, ma ci siamo anche noi! Ce lo eravamo perso! Però brave, bellissima iniziativa :)
    Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :) Quel libro di Bacchilega a me era piaciuto davvero un sacco, non potevo non citarlo!

      Elimina
  5. Grazie per il bel pomeriggio che avete organizzato

    RispondiElimina