martedì 24 dicembre 2013

Caro Babbo Natale...

Caro Babbo Natale,
sì, lo so, sono un po' in ritardo con questa letterina e so che difficilmente riuscirai a leggerla in tempo per questa notte. Ma so anche che ci proverai, ad esaudire le richieste dell'ultimo minuto. Anche perché di materiale non ti chiedo niente, che i libri me li portano già parenti, fidanzato e amici.
E non ti chiederò nemmeno cose come la pace nel mondo, la fine delle guerre, delle carestie, delle epidemie e della povertà in generale. Sarebbe bello, bellissimo, se tu riuscissi a farle smettere, ma so anche che è impossibile per un uomo solo. Se ci mettessimo tutti di impegno, forse sì, ci potremmo riuscire.

Quello che voglio chiederti è qualcosa di molto più piccolo, anche se forse gli sforzi richiesti per realizzarlo per te saranno enormi. 

Caro Babbo Natale per Natale quest'anno vorrei che diffondessi di più il mondo dei libri, della letteratura e della cultura nel mio paese. Vorrei che riuscissi a convincere tutti che leggere è bello, che leggere può aiutare a sentire e a sentirsi meglio. Che i libri possono aiutare ad affrontare la vita di tutti i giorni, o anche solo aiutare a non pensare a quanto di brutto tutti i giorni ci succede. Che riuscissi a convincere anche le teste più dure che i soldi spesi per i libri e per la cultura in generale sono soldi ben spesi, che le parole rimangono, rimangono eccome. Rimangono dentro di chi le legge, e non solo a prendere polvere su una mensola. E rimangono anche in eredità, più di un smartphone che dopo tre anni si rompe, più di un gioco della playstation che dopo qualche tempo potrebbe rigarsi e più di una borsa o di un cappello firmato che dopo qualche anno diventerà liso. I libri rimangono e si tramandano. Magari un po' di polvere per qualche tempo la prenderanno, ma poi arriverà qualcuno (perché qualcuno arriva sempre) che li troverà, li sistemerà e darà loro nuova vita e nuove avventure.

Vorrei che riuscissi a convincere la gente che con la cultura si può mangiare. Magari non subito, magari i primi tempi il pasto sarà un po' scarno, ma poi, se tutti ci crediamo, diventerà ricco, ricco e ancora più ricco. Di soldi, che comunque è ovvio che servono, ma anche di pensieri, di idee, di novità, di futuro, di vita e cose belle.

Vorrei che riuscissi a convincere la gente che uno dei nostri mali peggiori è l'ignoranza. Il non farsi domande, l'accettare tutto quello che ci viene messo davanti, per pigrizia o per comodità. Una pigrizia che sarebbe facile da combattere, se solo si volesse. (E sulla comodità, vuoi mettere leggere sdraiati nel letto, al caldo, sotto il piumone?)

E ancora, vorrei che riuscissi a convincere la gente a entrare nelle librerie, e non solo sotto Natale o come ultima spiaggia, nelle biblioteche, nei teatri, nei cinema (magari diminuendo un po' il costo del biglietto). Ad andare a mostre, musei, festival e incontro con gli autori. A leggere i giornali, tanti, non solo uno. Ad ascoltare sempre tutti i pareri, prima di decidere. A leggere (questo ma anche altri) blog e ad andare a cercarsi quella cultura che il nostro Stato ancora non è riuscito a rendere accessibile e, soprattutto, appetibile a tutti.

Insomma, caro Babbo Natale, quello che ti chiedo in parole povere è un piccolo miracolo. Lo so, me ne rendo conto. Eppure, se solo lo si volesse, non sarebbe poi così difficile, no? Basterebbe forse infondere nelle persone un po' di curiosità, di voglia di fare, sapere e di capire, e tutto il resto verrebbe da sé.
Se tutto questo ti sembra troppo difficile, ti posso capire. E accetto in cambio anche tutti i libri che riesci a procurarti con così poco preavviso (non Fabio Volo, la D'Urso e simili... anzi, sarebbe un regalo altrettanto gradito se riuscissi a farli sparire definitivamente dalle librerie).

Se il gatto dei vicini non li mangia, troverai latte, biscotti e "Orientarsi con le stelle" di Raymond Carver, sul davanzale, per te (ho pensato che potesse esserti utile un po' di poesia, da leggere in viaggio).

Mi raccomando, stai attento alla nebbia e ai caminetti accesi.
A presto e buon Natale, caro Babbo
Tua
Elisa

14 commenti:

  1. parole deliziose, Elisa, le condivido dalla prima all'ultima.

    ti auguro un Natale buono e (ça va sans dire) rampantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Tantissimi auguri anche a te!! :)
      Sarà un Natale superampante!

      Elimina
  2. Nella speranza che Babbo Natale ascolti più voci, mi unisco alla tua richiesta! Un bellissimo pensiero, complimenti! Speriamo, però, che non resti tale e che, almeno in parte, un po'alla volta, si possa realizzare! Tanti auguri di buon Natale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da parte mia faccio già e continuerò a fare tutto il possibile! :)

      Tanti auguri cara! :)

      Elimina
  3. A volte i sogni si avverano e quale occasione migliore del Natale? Condivido le tue splendide parole. Auguri di Buon Natale*_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo dai! :) Tantissimi auguri anche a te! :)

      Elimina
  4. Post bellissimo!
    Buon Natale anche se è quasi passato.

    RispondiElimina
  5. Anche se in ritardo Buon Natale.
    Mi è piaciuta molto questa letterina (in particolare l'aver citato Carver che amo molto).
    Credo che se tutti fossero "buoni" lettori come noi (con poca modestia mi ci metto anch'io in questa categoria) il mondo sarebbe un posto migliore.
    Milly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo completamente con te! Se tutti leggessero, il mondo sarebbe migliore!

      tanti auguri in ritardo!

      Elimina
  6. Buon Natale (in ritardo) e buone feste Elisa, a te e alla tua famiglia! Hai scritto un post davvero bello, che condivido. Incrociamo le dita e diamo una mano a Babbo Natale per realizzare questo piccolo miracolo :)

    RispondiElimina