mercoledì 20 novembre 2013

Due titoli, un solo libro: ma perché?#58

Mi sono accorta che è da un po' di puntate che non faccio un confronto contrario, ovvero che non prendo un titolo italiano e analizzo cosa gli è successo nella traduzione in altre lingue.
E casualmente mi è capitato sott'occhio proprio in questi giorni un romanzo italiano i cui cambiamenti di titolo fanno proprio al caso di questa rubrica.

L'autore del romanzo è una mia scoperta recente, di cui vi ho già parlato più e più volte e che è stato anche protagonista di un'intervista rampante. Sto parlando di Fabio Bartolomei, autore di tre bellissimi romanzi. Di questi però, al momento, a quanto mi risulta, solo uno è stato tradotto in altri lingue: GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI, pubblicato nel 2011 dalla casa editrice e/o:

Per sapere cosa ne penso del libro, vi rimando alla mia recensione. Qui soffermiamoci solo sul titolo. La Giulia 1300, come la copertina lascia intendere, è un modello di automobile, fabbricato dall'Alfa Romeo, lanciato con questa cilindrata nel 1964 e poi tolto dal listino nel 1971.
Quest'auto svolge un ruolo fondamentale nella trama, donandole una certa poeticità che non vi voglio però svelare.

Il romanzo è stato tradotto in inglese nel 2012 da Antony Shugaar, per la casa editrice Europaeditions, con il titolo ALFA ROMEO 1300 AND OTHER MIRACLES:

Il titolo della versione inglese è molto simile, l'unica differenza è la scelta di togliere il nome dell'auto e lasciare un generico Alfa Romeo 1300. Questo perché probabilmente quel modello di auto all'estero era conosciuto con un nome diverso o con il nome della casa automobilistica che lo produceva o magari anche con lo stesso nome che però non era abbastanza diffuso e conosciuto. Un cambiamento quindi necessario e comprensibile.

Il libro è stato tradotto anche in tedesco, nel 2013, da Gabriela Schönberger  per la casa editrice Goldmann Verlag, con il titolo RADIO MIRACOLI UND ANDERE ITALIENISCHE WUNDER:

Pur non conoscendo il tedesco, è evidente fin da subito che in questa versione del titolo sparisce il riferimento all'Alfa Romeo e alla Giulia. La traduzione letterale sarebbe "Radio Miracoli e altre meraviglie italiane".
Sebbene questo particolare modello di auto sia uscito anche in Germania, nella versione tedesca del libro si è scelto di togliere il riferimento dal titolo e dalla copertina (in cui compaiono altri elementi, alcuni non del tutto giustificati). Peccato che, come vi dicevo già prima, la Giulia fosse un elemento fondamentale della storia e la scelta di ignorarlo a mio avviso non è per niente azzeccata.

Che ne dite?

13 commenti:

  1. Ci sono alcuni misteri che non mi so proprio spiegare, ma ci posso provare: si sa che il popolo tedesco ha una certa propensione per il paesaggio bucolico italiano, ed è dannatamente geloso delle sue case automobilistiche. Meglio quindi omettere l'Alfa Romeo e concentrarsi sulle meraviglie italiane!
    Direi invece che la traduzione inglese è assolutamente comprensibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente la tua spiegazione potrebbe avere un senso, sì! Sia per la visione bucolica sia per il discorso automobilistico (ma chissà se una Volkswagen sarebbe riuscita a fare quello che fa la Giulia in questo libro? :P)

      Elimina
  2. Non è una novità per Edizioni e/o! Credo che derivi da strategie editoriali per rendere appetibili i libri.
    Comunque, la lista è lunga come ben sai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh però in questo caso essendoci un riferimento specifico, comprendo che potesse avvenire un cambiamento. Quello inglese è perfetto, quello tedesco invece...

      Elimina
  3. ... sì ma il salame in copertina nooooooooo!

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Però con il libro non c'entra niente, non ci sono asini nel romanzo! :P

      Elimina
    2. chissà come mai, lo sospettavo :D

      Elimina
  5. La copertina tedesca è bruttissima, dai xD
    Tra l'altro ho letto sulla pagina di Bartolomei che Giulia 1300 è candidato per un premio in Irlanda *w* Meritaterrimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo sì, è parecchio stereotipata :P

      Ecco da dove mi è venuto in mente questo libro! Non mi ricordavo dove avessi visto la versione inglese... dalla pagina di Bartolomei! :) Meritatissimo sì!

      Elimina
  6. oddio, ci auguriamo per l'autore che all'interno del romanzo la macchina sia rimasta la stessa e non l'abbiano sotituita, che so... con una Golf. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha sto cercando di immaginarmi cosa farebbe una golf nelle stesse condizioni della Giulia in questo libro e, non so, secondo me non funzionerebbe :P

      Elimina